Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Incidente del 14/03/2005. Sulla via Porrettana tra Marzabotto e Lama di Reno è stata investita una ragazza di nome Alice. La ragazzina stava andando a scuola in bicicletta quando un auto, perdendo il controllo per cause ancora sconosciute, si andò a schiantare contro Alice. A causa dell’incidente la ragazza perse l’uso di una gamba e restò in ospedale per circa 100 giorni. Alice uscì dall’ospedale in seggiola a rotelle, ma per fortuna accanto a lei rimase sempre l’amica Giulia. Il rientro a scuola invece fu molto difficoltoso poiché i compagni, non sapendo come comportarsi la esclusero e in alcune occasioni fu anche derisa.
Durante una competizione sportiva della scuola però le cose cambiarono. In quel occasione Alice partecipò alla gara di corsa e riuscì a classificarsi prima nella sua categoria. Da quel momento Alice con la sua sedia a rotelle furono accettate e non più escluse. La vittoria di Alice fece capire a tutti che le differenze sono muri che noi stessi creiamo, spesso per paura o perché ci sentiamo inadatti, ma in realtà siamo tutti uguali se siamo amici e ci vogliamo bene. Oggi (08/12/2020) Alice ha vent’anni e da un anno porta avanti un’associazione in cui vengono raccolti fondi per aiutare ragazzi ad acquistare seggiole a rotelle. In questa associazione sono presenti molti ragazzi che inizialmente escludevano Alice.

di Desiree Neri, allieva della Classe 1D Scuola Secondaria di Primo Grado “Galileo Galilei” – Sasso Marconi, Laboratorio “Abbasso il conflitto! Diverso da chi?”, nell’ambito del progetto “Donne fuori dall’angolo”, sostenuto dalla Regione Emilia Romagna Bando Pari Opportunità 2020.

 

About the Author

Related Posts

E’ in corso in Italia e in molti paesi del mondo, un attacco alla liberta di scelta delle donne di...

Associazione Culturale Youkali APS STRA ‘900 ER 2° edizione: Storia Teatro Racconto/Radio...

Parte la rassegna Feminologica 5° edizione- teatro civile al femminile! A Villa Spada dal 30 agosto...