Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Tra ottobre e novembre 2016 il gruppo Media allo scoperto di Youkali ha condotto due laboratori scolastici con due classi della Scuola secondaria di I grado Mazzini di Sant’Agata Bolognese dedicati allo smascheramento degli stereotipi di genere.

Un laboratorio è stato centrato sulla produzione di un spot video intitolato “Robe da maschi e robe da femmine” sul rovesciamento degli stereotipi legati ai ruoli maschili e femminili che è possibile vedere cliccando qui

Il secondo laboratorio è stato invece dedicato alla scrittura di articoli giornalistici che modificassero altri articoli, scritti da professionisti, infarciti però di luoghi comuni sul maschile e sul femminile o apertamente sessisti o che non utilizzavano termini corretti rispetto alle regole indicate dall’Accademia della Crusca sul linguaggio sessuato.

Nel corso del laboratorio dedicato al linguaggio video, i formatori, Simona Sagone e Amos Rebeschini, hanno intervistato i ragazzi della classe I A di Sant’Agata Bolognese spingendoli a tirare fuori gli stereotipi che avevano in mente sul maschile e sul femminile per poi cercare di ragionarci su.

Sono emerse cose interessantissime. Riflessioni profonde sui compiti di uomini e donne nella famiglia, sulla possibilità per le donne di partecipare pienamente alla vita politica, sociale, lavorativa di un Paese arrivando anche a ricoprire ruoli importanti. Alcuni ragazzi hanno riflettuto sul tema donne e guerra, donne e potere, sulla maternità e paternità, sul divieto imposto alle donne in alcuni Paesi del mondo di istruirsi.

Di seguito ecco dei montaggi video delle due ore di interviste. Buon divertimento e buon ragionamento.

 

About the Author

Related Posts

Associazione Culturale Youkali APS porta avanti per il biennio 2021/2022 il progetto “Donne fuori...

Quattro audiofiabe da ascoltare a cura di Associazione Culturale Youkali APS realizzate con 4...

“È possibile avere una casa per tutti e tutte a Bologna?“. È una domanda sempre più ricorrente, ma...