Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Tempo fa le donne non venivano rispettate, ma ora noi possiamo cambiare, possiamo aiutare le donne in casa con le faccende domestiche e con il resto.

Possiamo aiutare le donne usando parole come poliziotta, pilota, idraulica, pompiera ecc… trasformando al femminile le parole che fino ad oggi sono state usate solo al maschile.

Possiamo aiutare le donne imparando a capire che anche loro possono fare le cose che fanno i maschi normalmente.

E’ questo il cambiamento che dobbiamo fare.

Elaborato di Matilde, studentessa della classe I F Scuola Rolandino De’ Passaggeri, Bologna, laboratorio “Lo sguardo dell’altro, l’incontro con l’altro” nell’ambito del Progetto Educalè cofinanziato con i fondi della Legge Regionale 18/2016 “Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili” e nell’ambito di “Portiamo a scuola la comunicazione di genere” cofinanziato da Regione Emilia Romagna, annualità 2017.

 

About the Author

Related Posts

Parte a maggio 2018 la terza edizione del progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere:...

Unità nella diversità Cartelloni elaborati dalla classe I C per la campagna “Diverso da...

Inchiesta Urbana: Soli e interconnessi a cura del gruppo Media allo scoperto di Associazione...

Leave a Reply