Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Un giorno come tanti.

Per entrare nella mia casa si deve percorrere una stradina grigia a un angolo di via San Donato, bisogna riuscire ad aprire la porta di un cancello mezza distrutta dal terremoto, percorrere un bel giardino che, tra diversi alberi, ha pure una palma che a dicembre viene addobbata di luci natalizie; bisogna aprire una doppia porta gialla, cercare di non scivolare sulle scale appena pulite e, infine, aprire il portone quasi blindato del mio appartamento. Appena lo apri, sei avvolto da un odore di cavoli che mio fratello sta già mangiando seduto al tavolo in cucina.

Subito si nota l’albero di Natale altissimo con accecanti luci bianche e il quadro di un clown che da piccolo mi faceva paura.

“Esercitazioni di storytelling sul tema “La mia casa”

Riccardo Marchesini III D Scuola Secondaria di I grado “F. Besta” per progetto “Gandusio Comunità responsabile” sostenuto dal Quartiere San Donato San Vitale con Bando LFA 2018 Coesione Sociale

About the Author

Related Posts

Sono stremato dal peso dello zaino quando arrivo davanti al cancello ma le chiavi sono nella tasca...

Casa mia Quando si entra dalla porta, a destra c’è la cucina con un tavolo al centro, la stanza è...

Arrivata nel mio condominio devo salire quattro piani di scale a piedi perché non c’è l’ascensore...

Leave a Reply