Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Abdul, era un ragazzo che giocava in una squadra di calcio, vicino a casa sua, dove veniva deriso dai compagni a causa della sua provenienza e per il suo modo strano di correre.
Lui non era bravo a giocare a calcio e anche per questo veniva preso in giro. Un giorno decise di impegnarsi così tanto da diventare fortissimo ed usare lo sport come riscatto contro i compagni.
Ogni volta che tornava da allenamento era triste, tutti i suoi compagni lo insultavano ma lui non mollava, ce la metteva tutta per inseguire il suo sogno: giocare a pallone in una grande squadra.
Dopo solo un anno Abdul venne chiamato da una grande club di calcio per il suo impegno e per la sua determinazione.
Non ci poteva credere che solo dopo così poco avesse fatto un cambiamento dalla a alla z, la sua emozione era indescrivibile perché non si aspettava tutto ciò.
I suoi compagni quando vennero a conoscenza che lui avesse fatto un provino al BOCA FICO capirono che era un ragazzo coraggioso, anche se lo avevano già notato da un po’ e gli porsero subito le scuse di tutte le cattiverie che gli avevano fatto, diventando i suoi fan più accaniti. Abdul era contentissimo di giocare in una squadra importante dopo tutto l’impegno che ci aveva messo e per aver fatto pace con i suoi amici.

A cura di Tommaso Gironi, alunno della classe III C della Scuola Secondaria di Primo Grado “Moruzzi” di Ceretolo, per il progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere: NarrAzione di Genere 2018”, finanziato dalla Regione Emilia Romagna

About the Author

Related Posts

Una volta mentre ero in autobus, una signora chiese ad una ragazza di scendere dall’ autobus poiché...

Una ragazza senegalese salì su un treno che da Bologna era diretto a Milano e si sedette vicino a...

Insulti razzisti contro un ragazzo dell’Airone FC 83. “Negro, Negro, Negro”. È un insulto al colore...

Leave a Reply