Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Un giorno in spiaggia vidi insultare una persona di colore soltanto perché aveva fatto un punto all’altra squadra giocando a pallavolo.
Gli urlavano addosso insulti, ma dopo un po’ un ragazzo lo difese dicendo a tutti: “Basta dire nero di …solo perché ha fatto un punto!”.
Allora, il ragazzo di colore lo ringraziò e gli altri, avendo assistito a questa scena cominciarono ad incitarlo.
Con il passare del tempo, grazie al tifo, il ragazzo di colore divenne sempre più bravo e tutti i giorni mentre giocava, aveva un gran sorriso.
A fine estate però, nessuno vedeva più il ragazzo di colore e ci si chiedeva tutti il perché.
Un signore disse che era stato preso in una squadra di pallavolo così, quelli del bar della spiaggia offrirono da bere a tutti.

A cura di Jacopo Germinario, allievo della classe III C della Scuola Secondaria di Primo Grado “Moruzzi” di Ceretolo, per il progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere: NarrAzione di Genere 2018”, finanziato dalla Regione Emilia Romagna

About the Author

Related Posts

Era il mese di agosto del 2017 e la famiglia Berti originaria di Milano, aveva deciso di passare...

Come sarebbe bello vivere in una società dove ognuno, indipendentemente dall’essere uomo o donna,...

Quando ero piccola mio zio mi raccontò un’ esperienza di discriminazione successa davanti i suoi...

Leave a Reply