Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Un po’ di tempo fa mia sorella trovò un quaderno scritto da me, dove c’era scritto come sarebbe stato il mio mondo senza stereotipi, che sarebbe stato così: le persone con difficoltà fisiche o di altro tipo non sarebbero mai state giudicate per come sono fatte. Ci sarebbe stata una legge, che diceva che, chi offendeva una persona con difficoltà, sarebbe stato denunciato, per fargli imparare la lezione.
Il mio mondo senza stereotipi sarebbe così e a me piacerebbe un sacco vivere in un mondo del genere!
Ecco la mia storia: un giorno io vidi una ragazza disabile che veniva presa in giro e insultata da un altro ragazzo per come era; io allora mi avvicinai e dissi al ragazzo di smetterla, perchè la ragazza non aveva fatto niente di male e non c’era motivo per prendersela con lei.
Da quel giorno il ragazzo capì che siamo tutti uguali e la ragazza imparò a difendersi, per non farsi mai più trattare in quel modo.

 

di Giada, allieva della Classe 1C Scuola Secondaria di Primo Grado “Galileo Galilei” – Sasso Marconi, Laboratorio “Abbasso il conflitto! Diverso da chi?”, nell’ambito del progetto “Donne fuori dall’angolo”, sostenuto dalla Regione Emilia Romagna Bando Pari Opportunità 2020.

About the Author

Related Posts

Questa è la storia di Edmondo. Edmondo per colpa di un incidente rimase senza braccia e gambe, e...

UN VERO UOMO CONQUISTA LA FORZA DEL CUORE NON DELLE MANI. SOLO UN PICCOLO UOMO USA VIOLENZA SULLE...

Gli uomini che colpiscono le donne sono solo persone deboli e senza onore. #stop la violenza #stop...

Leave a Reply