Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Giacomo è un bambino disabile, che è preso di mira, da dei bulli della classe.

Ogni mattina s’incontrano davanti  al portone, Giacomo non riesce a salire le scale a causa della sedia a rotelle, riesce a salire i primi tre gradini, ma gli altri non ci riesce.

I bulli invece di aiutarlo lo buttano dalle scale.

Giacomo resta lì a piangere perché si sente inutile in questo mondo crudele.

Un giorno il professore se ne accorge e fa vedere un documentario per i bulli.

Videro questo documentario, che avevano fatto i genitori di Giacomo, in cui rappresenta tutta la vita che ha sofferto, dalla scoperta della malattia a oggi dopo anni d’interventi, si accorsero che aveva passato la sua vita in sofferenza e ora era il tempo che Giacomo provasse gioia.

Da quel giorno tutte le mattine Giacomo viene aiutato a salire le scale dai suoi nuovi amici.

Elaborato di Ines, allieva della classe I F Scuola Rolandino De’ Passaggeri, Bologna, laboratorio “Lo sguardo dell’altro, l’incontro con l’altro” nell’ambito del Progetto Educalè cofinanziato con i fondi della Legge Regionale 18/2016 “Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili” e nell’ambito di “Portiamo a scuola la comunicazione di genere” cofinanziato da Regione Emilia Romagna, annualità 2017.

About the Author

Related Posts

Sono stremato dal peso dello zaino quando arrivo davanti al cancello ma le chiavi sono nella tasca...

Casa mia Quando si entra dalla porta, a destra c’è la cucina con un tavolo al centro, la stanza è...

Arrivata nel mio condominio devo salire quattro piani di scale a piedi perché non c’è l’ascensore...

Leave a Reply