Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Giacomo è un bambino disabile, che è preso di mira, da dei bulli della classe.

Ogni mattina s’incontrano davanti  al portone, Giacomo non riesce a salire le scale a causa della sedia a rotelle, riesce a salire i primi tre gradini, ma gli altri non ci riesce.

I bulli invece di aiutarlo lo buttano dalle scale.

Giacomo resta lì a piangere perché si sente inutile in questo mondo crudele.

Un giorno il professore se ne accorge e fa vedere un documentario per i bulli.

Videro questo documentario, che avevano fatto i genitori di Giacomo, in cui rappresenta tutta la vita che ha sofferto, dalla scoperta della malattia a oggi dopo anni d’interventi, si accorsero che aveva passato la sua vita in sofferenza e ora era il tempo che Giacomo provasse gioia.

Da quel giorno tutte le mattine Giacomo viene aiutato a salire le scale dai suoi nuovi amici.

Elaborato di Ines, allieva della classe I F Scuola Rolandino De’ Passaggeri, Bologna, laboratorio “Lo sguardo dell’altro, l’incontro con l’altro” nell’ambito del Progetto Educalè cofinanziato con i fondi della Legge Regionale 18/2016 “Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili” e nell’ambito di “Portiamo a scuola la comunicazione di genere” cofinanziato da Regione Emilia Romagna, annualità 2017.

About the Author

Related Posts

Parte a maggio 2018 la terza edizione del progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere:...

Unità nella diversità Cartelloni elaborati dalla classe I C per la campagna “Diverso da...

Inchiesta Urbana: Soli e interconnessi a cura del gruppo Media allo scoperto di Associazione...

Leave a Reply