Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

14.3.2020

Come molti sanno nelle stanze dei bambini c’erano molte cose di colore azzurro e nelle stanze delle bambine molte cose di colore rosa. Ma grazie all’esempio di Margherita Rossi, le cose sono cambiate.

Margherita era incinta di due gemelli, un maschio e una femmina. Il marito Mario aveva deciso, come molti, di arredare due stanze separate: una di colore azzurro per il maschietto e una di colore rosa per la femminuccia. Invece Margherita, aveva deciso di preparare per i gemelli un’ unica stanza con le pareti di colore blu a pois rosa, piena di bambole e macchinine, in modo che entrambi i bambini potessero giocare con gli stessi giochi; Mario accolse con favore la decisione di Margherita. I due genitori avevano fatto bene, anche perché i due gemelli erano felici di stare insieme.

Margherita, raccontò questa storia alle sue più care amiche che poi la raccontarono ai giornali; Margherita fu molto fiera delle sue amiche che l’avevano resa famosa; infatti grazie al suo gesto aveva contribuito ad  eliminare lo stereotipo della differenza tra maschi e femmine.

Elaborato di Manuela, allieva della classe I F Scuola Rolandino De’ Passaggeri, Bologna, laboratorio “Lo sguardo dell’altro, l’incontro con l’altro” nell’ambito del Progetto Educalè cofinanziato con i fondi della Legge Regionale 18/2016 “Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili” e nell’ambito di “Portiamo a scuola la comunicazione di genere” cofinanziato da Regione Emilia Romagna, annualità 2017.

 

About the Author

Related Posts

Parte a maggio 2018 la terza edizione del progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere:...

Unità nella diversità Cartelloni elaborati dalla classe I C per la campagna “Diverso da...

Inchiesta Urbana: Soli e interconnessi a cura del gruppo Media allo scoperto di Associazione...

Leave a Reply