Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Una ragazza senegalese salì su un treno che da Bologna era diretto a Milano e si sedette vicino a un signore. Il signore, molto infastidito, si alzò e disse che non voleva stare vicino a una persona di colore (anche se con parole più offensive), poi se ne andò. La ragazza rimase senza parole, come le persone che avevano assistito alla scena. Secondo me non è giusto quello che è accaduto perché non bisogna giudicare le persone solo per il colore della loro pelle.
#libertàeuguaglianza

di un allievo della Classe I D Scuola Secondaria di I Grado Zappa, nell’ambito del bando LFA Qu.re Navile e progetto “Globo Speak up” finanziato dal Comune di Bologna DD/PRO/2019/1388 Area Nuove Cittadinanze, Inclusione Sociale e Quartieri.

 

About the Author

Related Posts

reportage a cura di Youkali del progetto Genera- Azioni con capofila Forma Azione in rete di Piazza...

Una volta mentre ero in autobus, una signora chiese ad una ragazza di scendere dall’ autobus poiché...

Insulti razzisti contro un ragazzo dell’Airone FC 83. “Negro, Negro, Negro”. È un insulto al colore...

Leave a Reply