Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Mi ricordo, quando eravamo alle elementari, molti avevano dei problemi ad andare d’accordo.
Si formavano molti gruppetti, molte persone che giocavano con i sentimenti altrui ma ora, per molte persone, si è sistemato tutto.
Alle elementari c’era un bambino che veniva spesso escluso dai giochi e dei lavoretti di gruppo e solo dalla quinta elementare abbiamo iniziato, quasi tutti, ad andare d’accordo.
Veniva spesso preso in giro per il suo aspetto e lui ci rimaneva molto male, andava spesso dalle maestre a lamentarsi di qualcuno, ma sembrava,quasi, che non importasse nessuno.
Le maestre intervenivano sgridando i bambini ma solo dopo tanto tempo riuscirono a far andare d’accordo questo bambino con il resto della classe.
Ci facevano fare tanti lavori in cui, i gruppi venivano decisi dalle insegnati e, a quanto pare, è servito, perché dopo tanto tempo, esattamente in quinta elementare, siamo riusciti ad andare d’accordo restando ,anche oggi, tutti amici.

A cura di Federica Pesaresi, allieva della classe III C della Scuola Secondaria di Primo Grado “Moruzzi” di Ceretolo, per il progetto “Portiamo a scuola la comunicazione di genere: NarrAzione di Genere 2018”, finanziato dalla Regione Emilia Romagna

About the Author

Related Posts

Era il mese di agosto del 2017 e la famiglia Berti originaria di Milano, aveva deciso di passare...

Come sarebbe bello vivere in una società dove ognuno, indipendentemente dall’essere uomo o donna,...

Quando ero piccola mio zio mi raccontò un’ esperienza di discriminazione successa davanti i suoi...

Leave a Reply