Palestra digitale del laboratorio permanente “Media allo scoperto"

Era di lunedì mattina e tutta la classe era già seduta e pronta per fare geografia quando la maestra ci presentò Ahmed.
“Buongiorno ragazzi,oggi si unirà a noi anche Ahmed il vostro nuovo compagno di classe” iniziò la maestra”Ahmed ora ci parlerà del suo paese di origine: l’Africa!”Ahmed era terrorizzato dal cambiamento e non aprì bocca.

Suonato l’intervallo io e delle mie amiche andammo lì da lui per rassicurarlo. Dopo un po’ di tempo capimmo che Ahmed non parlava la nostra lingua, allora provammo con i gesti ma niente da fare non capiva neanche quelli. Ricominciata la lezione spiegammo alla maestra che Ahmed non conosceva la nostra lingua e lei ci rassicurò “tranquille ragazze Ahmed conosce benissimo la nostra lingua solo che è un po’ timido, lasciategli un po’di tempo e vedrete che gli passerà”.
Noi, capita la situazione, lasciammo in pace Ahmed.

Passavano i giorni ma Ahmed non cambiava era sempre lì, seduto sotto un banco, a piangere con dei ragazzi che lo prendevano in giro.
Io e le mie amiche intervenimmo e abbiamo detto ad Ahmed che noi non l’avremmo preso in giro e che per noi lui non era diverso, e che era come tutti noi. Lui da quel giorno non fu più timido e divenne amico di tutti.
Questo ci insegna che non è importante il colore della tua pelle ma è importante quello che hai dentro.

Elaborato di Anna Laura,  allieva della classe I F Scuola Rolandino De’ Passaggeri, Bologna, laboratorio “Lo sguardo dell’altro, l’incontro con l’altro” nell’ambito del Progetto Educalè cofinanziato con i fondi della Legge Regionale 18/2016 “Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili” e nell’ambito di “Portiamo a scuola la comunicazione di genere” cofinanziato da Regione Emilia Romagna, annualità 2017.

About the Author

Related Posts

Sono stremato dal peso dello zaino quando arrivo davanti al cancello ma le chiavi sono nella tasca...

Casa mia Quando si entra dalla porta, a destra c’è la cucina con un tavolo al centro, la stanza è...

Arrivata nel mio condominio devo salire quattro piani di scale a piedi perché non c’è l’ascensore...

Leave a Reply